top of page
  • info542532

LEGNANO - RUGBY SOUND2024 al via con Subsonica e Röyksopp.


Legnano - L’imponente macchina organizzativa della Shining Production ha dato il via, ieri sera, alla edizione2024 del Festival RUGBY SOUND tra le mura del castello di Legnano. Prima assoluta delle 14 serate di spettacoli previsti in poco meno di 3 settimane. Partenza con il botto, grazie alla performance esplosiva del duo norvegese Röyksopp (Svein Berge e Torbjørn Brundtland) e alla presenza ormai quasi di tradizione dei Subsonica, protagonisti in diverso modo delle ultime edizioni del festival legnanese. C’è stato tempo e spazio, quasi all’ultimo anche per il gruppo degli “Omini”, trio band punk-rock rivelazione di una recente edizione di Xfactor.

Ad aprire ufficialmente le danze quindi è toccato al duo norvegese dei Röyksopp. Non c’è che dire, grande colpo dell’organizzazione. Un ottimo modo per scaldare l’ambiente con una delle band più autorevoli ed influenti della scena musicale elettronica contemporanea. Un vero pezzo di storia di sound alternativo di questi ultimi 20anni. Momenti significativi della serata, l’esecuzione della splendida “Running to the sea” e di "Remind Me". Quest’ultimo pezzo, nel 2002, come video musicale, aveva vinto il premio di miglior video agli MTV Europe Music Awards con lo stile grafico animato, che da sempre, ha caratterizzato lo stile unico del duo norvegese e di grande capacità di combinare musica e visual. Un bell’impatto, che ha sposato bene il leit motiv di questa prima serata: Elettro-pop, downtempo, e atmosfere sonore suggestive regalate da sintetizzatori vintage e beat sofisticati accompagnate qua e là da vocalità eteree.



Alle 21.45 precise è stata la volta dei Subsonica. La band torinese con questa data prosegue il suo tour "La Bolla", iniziato nel 2023, con uno show che combina tecnologia avanzata e riferimenti futuristici, e che presenta al meglio il loro ultimo lavoro in studio, "Realtà aumentata". Un album acclamato sia dalla critica che dal pubblico e riconosciuto come uno dei migliori della band, capace di fondere le radici elettroniche anni 80 e atmosfere rock con un retrogusto melodico tipico della musica italiana. Lo spettacolo di luci e stato imponente. I fedelissimi fans della band: tutti presenti. La “Bolla" in cui si è immerso il pubblico del castello è una metafora per la fragile situazione del nostro pianeta, ma anche un chiaro messaggio che ha aggiunto una dimensione ulteriore al loro spettacolo. Ormai la band piemontese ha una dimensione pienamente credibile riuscendo a combinare intrattenimento e riflessione sociale. “Cani umani”, “Africa su Marte”, “Pugno di sabbia”, e poi via con i grandi successi dell’ormai mitico album ”Microchip emozionale”.“Aurora sogna”, e poi ancora “Liberi tutti” . Con “Discolabirinto” la festa raggiunge il suo apice ed è impossibile non ballare o urlare a squarciagola, mentre la ormai iconica tastiera basculante di Boosta ondeggia ipnoticamente sul palco per quasi due ore. Si chiude con “Tutti i miei sbagli” e “Strade”.

Un'esperienza immersiva che ha ben avvolto nel suo calore l’arena estiva del “Rugbysound” e che ha confermato i Subsonica come una delle band più innovative e rilevanti della scena musicale italiana. La “realtà aumentata“ ha ispirato e unico vecchie e nuove generazioni di fan, mentre da quella “…discoteca labirinto bianca, senza luci colorate e grandi un centinaio di chilometri…”(cit.) del castello di Legnano, nessuno pareva volesse più uscire.

Il programma del Rugbysound prosegue nella serata di venerdì con la Cartoon Live Experience di “Mai dire Doku”.


TESTO e FOTO : Matteo MANDELLI #assefocale




8 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page