Modern Office

SARONNO 

Ott. 2020

CITTA’ DI SARONNO

LETTERA DEL SINDACO AIROLDI ai SARONNESI .

 

Care concittadine e cari concittadini, la scorsa domenica e lo scorso lunedì mi avete eletto vostro Sindaco. Vi ringrazio per la fiducia che mi avete così ampiamente accordato. A quanti di voi non mi hanno votato chiedo di guardare con fiducia e obiettività a ciò che io e la mia squadra faremo per la nostra Saronno. Ci avete chiesto di rinnovare la modalità di amministrare la città, di rendere più facilmente accessibili e più efficienti i servizi comunali, di difendere le sorti del nostro Ospedale, di garantire l’apertura dei servizi di pre e post scuola. Ma anche di migliorare la qualità della vita nella nostra città, di ridurre il traffico di solo attraversamento che la paralizza in alcune ore del giorno, di porre massima attenzione al recupero dell’area ex- Isotta-Fraschini: in altre parole, una città diversa. Ho già iniziato a lavorare su questi temi e conto, nei prossini giorni, di darvi i primi riscontri. In campagna elettorale ho promesso una Amministrazione che dialoga con i cittadini. Per questo motivo lo scorso mercoledì sono tornato al mercato da Sindaco eletto per incontrare e ringraziare i tanti saronnesi che mi hanno votato, ma anche per ascoltare, da Sindaco, le loro richieste. Sempre per questo motivo, ritornerò a breve nei diversi quartieri della città per incontrare i saronnesi accompagnato dai miei assessori. Tutti assieme possiamo far ripartire Saronno, possiamo guardare con maggiore fiducia al futuro pur in un periodo segnato da molte difficoltà economiche e incertezze sanitarie dovute al persistere dei contagi da Covid-19. A questo proposito invito ciascuno di voi a seguire coscienziosamente le indicazioni delle autorità sanitarie nazionali e regionali.

Augusto Airoldi, Sindaco.

Comunicato STAMPA 

img-184421-O-29-1365-0-0-6649b18cb8ff77f

RHO

Gen . 2021

Giorno del Ricordo: dedicato un cippo commemorativo ai martiri delle foibe e all’esodo giuliano-dalmata .

 

Un cippo commemorativo posizionato sul punto più alto della città: così l’Amministrazione rende omaggio, anche a seguito di una mozione votata all’unanimità dal precedente consiglio comunale, alle vittime delle foibe e agli esuli italiani il 10 febbraio, Giorno del Ricordo a loro dedicato.


“Anche Rho avrà un monumento dedicato alle vittime delle foibe – afferma il Sindaco Pietro Romano -. Abbiamo scelto, in attesa di conferma ufficiale, di posizionare il cippo commemorativo in cima alla collina più alta della città nel parco Fiera Rho come messaggio simbolico a non lasciare mai più morire le persone in fondo a una foiba, immagine della sofferenza e del martirio di migliaia di vittime dei tragici accadimenti avvenuti tra il 1943 e il 1947. Dobbiamo sempre ricordare i principi della libertà, della democrazia e del rispetto verso gli altri debellando qualsiasi forma di violenza e di odio razziale. La pandemia da Covid è un’ulteriore lezione: davanti al virus siamo tutti uguali e solo l’unione e la capacità di affrontare insieme e coesi questa grande difficoltà potrà permetterci di superarla”.

Il 10 febbraio si commemora il Giorno del Ricordo, una ricorrenza istituita con la legge n. 92 del 30.3.2004, per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di pace, che assegnava alla Jugoslavia l'Istria e la maggior parte della Venezia Giulia.

Si tratta di una delle pagine più buie della storia contemporanea: tra il 1943 e il 1947 oltre 10mila persone furono gettate vive o morte nelle foibe, le cavità carsiche ai confini orientali per volere del maresciallo Tito, in nome di una pulizia etnica che doveva annientare la presenza italiana in Istria e Dalmazia .

 

 

Comunicato  STAMPA 

FNZ_6384.JPG

LAINATE

Dic. 2020

Appuntamenti Culturali .

Un calendario di appuntamenti natalizi, ma rigorosamente on line .

Tornano gli appuntamenti delle feste, ma rigorosamente on line!  Nella stupenda Villa Visconti Borromeo Litta l’Associazione Italiana Amici del Presepio sede Milano-Lainate avrebbe quest'anno allestito la 13.a Mostra dedicata alle natività. Data l’emergenza sanitaria, i Maestri presepisti della sede Milano-Lainate stanno preparando la Mostra ma in forma virtuale .